La segnaletica stradale a Verona fa parlare di visibilità

La segnaletica stradale a Verona fa parlare di visibilità

Visibilità della segnaletica stradalePer questo post ci ispiriamo ad un piccolo evento di “cronaca del vicinato” che coinvolge la segnaletica stradale e Verona, la nostra città. Lo sapevi che se la segnaletica è poco visibile, è possibile contestare un’eventuale multa o altro provvedimento ad essa collegato? Ovviamente, la mancata visibilità deve essere tale da rendere la prescrizione stradale, aziendale o di sicurezza a tutti gli effetti poco chiara per chi procede in auto, lavora o svolge diverse operazioni in quell’area.

Un nostro conoscente ha usufruito di questa regola dopo aver involontariamente ignorato un divieto di sorpasso. E soffermiamoci in particolare proprio sulla segnaletica verticale, ossia i cosiddetti cartelli stradali. Di norma è la più importante per la viabilità, perché prevale sia nel caso di contrasto con quella orizzontale che qualora quest’ultima fosse poco chiara, magari perché cancellata dal tempo e dalle intemperie.

La segnaletica verticale, tuttavia, deve essere collocata dall’ente incaricato per quella zona in modo che risulti leggibile con semplicità dall’utente che procede ad una velocità media – secondo i limiti stabiliti per quello specifico tratto – e con una capacità visiva tale da consentire il superamento dei test per il conseguimento (o il rinnovo) della patente.

Insomma: la multa è contestabile se la scarsa visibilità del cartello è tale da poter escludere la responsabilità del conducente. Facciamo alcuni esempi per chiarire cosa questo significhi.

  • Il cartello stradale deve rispondere di precisi standard ministeriali per quanto riguarda dimensioni e posizionamento: se il cartello di divieto di transito è collocato a metà del relativo palo per un difetto di ancoraggio, esso non costituisce una segnaletica valida.

  • Il cartello non deve essere scolorito dagli agenti atmosferici o dal tempo tanto da renderlo non leggibile: la Pubblica Amministrazione proprietaria della strada o il soggetto che ha la responsabilità della segnaletica deve sempre verificare che i cartelli siano conservati in buon stato di manutenzione, e provvedere in maniera tempestiva alla relativa sostituzione quando necessario.

  • Il cartello deve essere posizionato in modo da essere interpretabile in tempi molto rapidi. Non deve ad esempio essere coperto da altri cartelli stradali, magari recanti a propria volta delle ulteriori prescrizioni ed indicazioni: l’eccessiva accozzaglia di indicazioni, di colori, dimensioni e messaggi diversi, rende difficile per l’utente afferrare i vari obblighi e divieti.

Potresti prendere tutto ciò come una buona notizia se sei un’automobilista ed hai appena trovato un ottimo pretesto per non pagare una multa. Se però sei responsabile per la segnaletica stradale, per la segnaletica aziendale o – a maggior ragione – per la segnaletica di sicurezza (anche non di Verona), dovresti prenderlo piuttosto come un monito. Tieni dunque a mente che è necessario tenere d’occhio la tua segnaletica, così che sia sempre in ottimo stato, e che per la sua creazione e posizionamento è fondamentale affidarsi ad aziende accreditate che conoscano bene gli standard ministeriali e le regole di competenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *